ULTIMISSIME


BUONA PASQUA 2017 AMICI DI "FUORIPAESE" ... !!!

.

domenica 16 maggio 2010

Il Punto dell'On.le Marco Zacchera del PdL

n. 322 del 16 Maggio 2010
*************************
ONESTA E TRASPARENZA
L’onestà nella politica non è un concetto di destra o di sinistra ma è (o dovrebbe essere) il cardine su cui si gioca ogni credibilità per chiunque si proponga ad amministrare o dirigere il bene comune. E’ sciocco generalizzare, è stupido limitarsi a dire “sono tutti ladri”, è giusto sottolineare come a volte la Magistratura corroda la sua stessa credibilità con indagini di giudici che – avendo apertamente professato un’appartenenza politica – possono far temere preconcetti, ma non si può comunque che provare sconcerto leggendo quel che va succedendo. Da una parte l’esigenza di rigore e assoluta trasparenza, dall’altra la necessità di non maciullare tutto e tutti nel tritacarne mediatico: difficile costruire una mediazione che prima di tutto sia di buon senso. C’è molta volontà di scandalismo, ma è doveroso prendere chiaramente atto che anche nel centro destra sembra esserci chi ha abusato del suo ruolo o non ha avuto la volontà di far chiarezza nei propri rapporti. Occorre quindi varare subito una legge rigorosa per una maggiore trasparenza eliminando le mele marce, ma un abbattendo per questo un albero sano.
Il Parlamento però deve agire subito, perche la gente vuole chiarezza, trasparenza, impegno concreto contro ogni forma di corruzione e se qualche “mela marcia” è anche nel centro destra non ci si tiri indietro nel fare pulizia. Solo così, dando certezza ai cittadini che non si voglia coprire nessuno sarà allora possibile mettere finalmente un doveroso freno alla pubblicazione incontrollata di verbali, interrogatori, indiscrezioni, intercettazioni, leggende metropolitane che condannano la gente ancora prima che un’accusa venga formulata. Se il centro-destra è un albero buono - come assolutamente credo - non perda tempo a dimostrare con i fatti a tutto il Paese che non ha paura di confrontarsi anche su questo tema e – purtroppo – anche su alcune spiacevoli realtà.
RINVIO ELEZIONI COMITES
E' in discussione alla Camera il rinvio al 2012 delle elezioni dei Comites. Tema delicato sia perchè coinvolge l'esistenza stessa di questi organismi sia perchè si impone una riflessione sui sistemi elettorali (per posta, nei seggi, un sistema misto?) soprattutto dopo le note vicende legate ai brogli alle elezioni politiche sia del 2006 che del 2008. L'impressione però è che - complice la crisi, non c'è dubbio - ci sia un sostanziale logoramento dei fondi disponibili per la presenza italiana all'estero. Credo (in merito ho presentato due proposte di legge: una sulla riforma dei Comites ed una seconda, recente, sui sistemi elettorali) che globalmente ci dovrebbe essere più coinvolgimento, attenzione, presenza stessa degli eletti all'estero in sede di discussione politica. Soprattutto servirebbe una scelta super-partes per normare un sistema che dopo l'elezione dei 18 parlamentari all''estero deve profondamente rinnovarsi.
UN SALUTO E BUONA SETTIMANA A TUTTI ! MARCO ZACCHERA

Nessun commento: