ULTIMISSIME


BUONA PASQUA 2017 AMICI DI "FUORIPAESE" ... !!!

.

lunedì 31 maggio 2010

Ciclismo: Ivan Basso vince il 93° Giro d'Italia

*************************
Nel giorno del riscatto sportivo, c’è l’inimitabile sorriso della vita che nasce. Ivan Basso ha vinto il Giro d’Italia numero 93, uno dei più duri e aperti degli ultimi anni, un anno e sette mesi dopo il ritorno alle corse. Il cerchio aperto dalla squalifica per il coinvolgimento nell’Operación Puerto è dunque chiuso. E in maglia rosa, con il trofeo al suo fianco, rivela il segreto più dolce. "Micaela aspetta il terzo bambino, nascerà tra la fine del 2010 e inizio 2011, siamo molto felici". Una coppa d’oro per Santiago (nato proprio nel 2006), una per Domitilla, alzata al cielo nella cornice unica dell’Arena di Verona, davanti a 10mila spettatori. E l’ambizione di non fermarsi, per conquistarne una terza.
"Sono felicissimo, è anche difficile mettere a fuoco la situazione ora, capirò solo nei prossimi giorni quello che è successo. Entrare nell’Arena, con i miei figli che mi aspettavano, è stato indescrivibile. Qualche giorno fa mia moglie mi ha detto che aspettiamo un terzo figlio, l’ho saputo proprio durante il Giro, la sera del Monte Grappa. Il giorno dopo, sullo Zoncolan, mi sono scatenato...". Le frasi più dolci sono per i figli: "Domitilla ha gli occhi che parlano, so che oggi era molto felice. Si ricorda quando è salita sul podio con me al Tour de France. Nel 2008, a metà del periodo buio, ho guardato in tv l’ultima tappa della Grande Boucle vinta da Sastre. E quando Domitilla ha visto i bambini di Carlos salire quei gradini, ho capito che aveva voglia di riprovare questa emozione. Me la sono portata dentro per tanto tempo. Staccare il pedale e trovare i miei due figli è stato bellissimo. Altre dediche? Questo Giro è per tante persone, che ringrazierò guardandole negli occhi. Ed è di Aldo Sassi, una persona fantastica".
Inevitabile poggiare lo sguardo su quello che accadrà a luglio. Basso sarà al Tour de France, contro Contador, Armstrong, Evans, Andy Schleck e gli altri. "Non ho mai incontrato Alberto al massimo della condizione. Negli ultimi quattro anni ha avuto un ruolino di marcia incredibile. Dentro di me ci credo, ma con grandissimo rispetto e umiltà. Voglio ridare al Tour quello che ha dato a me, ho troppa voglia di correrlo. E’ nel mio cuore".
Il campione del mondo ha chiuso il suo secondo Giro d’Italia al quinto posto, rivelando i motivi del suo disappunto, manifestato nell’ultima settimana di corsa. "La sera prima della tappa de L’Aquila non stavo bene, ho dormito male e mi sono svegliato con 38° di febbre". Quel giorno sul gruppo piovve una quantità di acqua impressionante. Cadel - il big con la squadra nettamente più debole - perse minuti, come gli altri favoriti. Eppure nemmeno una parola sui suoi problemi di salute. "Chiudere quinto mi lascia un po’ deluso. Ma è stato un finale stupendo - aggiunge - e faccio i complimenti agli organizzatori e alla squadra di Ivan, che ha meritato di vincere. Per fortuna oggi c’era una musica migliore durante la mia prova: gli AC/DC sono meglio dei Nirvana di Plan de Corones..."

CLASSIFICA FINALE MAGLIA ROSA
01 BASSO Ivan ITA LIQ 87h 44’ 01”
02 ARROYO DURAN David ESP GCE 1:51
03 NIBALI Vincenzo ITA LIQ 2:37
04 SCARPONI Michele ITA AND 2:50
05 EVANS Cadel AUS BMC 3:27
06 VINOKOUROV Alexandre KAZ AST 7:06
07 PORTE Richie AUS SAX 7:22
08 SASTRE CANDIL Carlos ESP CTT 9:39
09 PINOTTI Marco ITA THR 14:20
10 KISERLOVSKI Robert CRO LIQ 14:51
11 CUNEGO Damiano ITA LAM 17:10
12 MOLLEMA Bauke NED RAB 19:41
13 GADRET John FRA ALM 23:03
14 KARPETS Vladimir RUS KAT 25:21
15 ARDILA CANO Mauricio Alberto COL RAB 32:29
16 GERDEMANN Linus GER MRM 34:49
17 CIONI Dario David ITA SKY 36:44
18 KRUIJSWIJK Steven NED RAB 37:27
19 EFIMKIN Alexander RUS ALM 39:43
20 DUPONT Hubert FRA ALM 45:17
21 DE GREEF Francis BEL OLO 50:08
22 MAYOZ ECHEVERRIA Iban ESP FOT 1:07:37
23 VOECKLER Thomas FRA BTL 1:10:16
24 WEENING Pieter NED RAB 1:10:55
25 MIHOLJEVIC Vladimir CRO ASA 1:11:10
26 MORENO Daniel ESP OLO 1:19:31
27 SORENSEN Chris DEN SAX 1:19:34
28 TROFIMOV Yury RUS BTL 1:19:58
29 WEGELIUS Charles GBR OLO 1:20:05
30 SERPA PEREZ Jose Rodolfo COL AND 1:24:28
31 PETROV Evgeni RUS KAT 1:25:52
32 AGNOLI Valerio ITA LIQ 1:27:52
33 DIDIER Laurent LUX SAX 1:31:36
34 TSCHOPP Johann SUI BTL 1:34:31
35 URAN URAN Rigoberto COL GCE 1:37:06
36 BAKELANDTS Jan BEL OLO 1:37:40
37 KIRYIENKA Vasil BLR GCE 1:42:55
38 WYSS Marcel SUI CTT 1:44:55
39 SAMOILAU Branislau BLR QST 1:46:02
40 WIGGINS Bradley GBR SKY 1:47:58
41 AMADOR Andrei CRC GCE 1:50:40
42 JUFRE POU Josep ESP AST 1:52:09
43 CODOL Massimo ITA ASA 1:53:45
44 BARRY Michael CAN SKY 1:55:13
45 POZZATO Filippo ITA KAT 2:00:13
46 CARUSO Giampaolo ITA KAT 2:02:47
47 SARMIENTO Cayetano COL ASA 2:03:49
48 EIBEGGER Markus AUT FOT 2:04:20
49 RIGHI Daniele ITA LAM 2:08:58
50 LLOYD Matthew AUS OLO 2:13:22
51 RODRIGUEZ Jackson VEN AND 2:13:32
52 OCHOA Carlos Jose VEN AND 2:14:39
53 LOSADA ALGUACIL Alberto ESP GCE 2:14:54
54 HORRACH RIPPOLL Juan ESP KAT 2:15:29
55 CUMMINGS Steven GBR SKY 2:17:55
56 TOSATTO Matteo ITA QST 2:19:47
57 MARTIN Daniel IRL GRM 2:20:53
58 PINEAU Jerome FRA QST 2:22:28
59 LARSSON Gustav Erik SWE SAX 2:23:07
60 SZMYD Sylvester POL LIQ 2:27:19
61 GUSTOV Volodymir UKR CTT 2:28:40
62 ZANDIO ECHAIDE Xabier ESP GCE 2:29:15
63 DUQUE Leonardo COL COF 2:29:30
64 LUND Anders DEN SAX 2:30:43
65 FAILLI Francesco ITA ASA 2:30:45
66 BERTOGLIATI Rubens SUI AND 2:33:16
67 TURPIN Ludovic FRA ALM 2:39:00
68 MONCOUTIE David FRA COF 2:40:00
69 SIMONI Gilberto ITA LAM 2:40:14
70 GRIVKO Andriy UKR AST 2:41:18
71 LANG Sebastian GER OLO 2:42:18
72 SORENSEN Nicki DEN SAX 2:42:22
73 STORTONI Simone ITA COG 2:45:07
74 BISOLTI Alessandro ITA COG 2:45:11
75 DONATI Alessandro ITA ASA 2:53:33
76 VANOTTI Alessandro ITA LIQ 2:58:53
77 WURF Cameron AUS AND 3:03:44
78 LEWIS Craig USA THR 3:04:01
79 MAZZANTI Luca ITA KAT 3:04:07
80 MARZANO Marco ITA LAM 3:05:57
81 STALDER Florian SUI BMC 3:09:00
82 CUSIN Remi FRA COF 3:09:45
83 KRIVTSOV Yuriy UKR ALM 3:11:06
84 RUSS Matthias GER MRM 3:12:43
85 CUESTA LOPEZ Inigo ESP CTT 3:12:44
86 BONO Matteo ITA LAM 3:12:56
87 KIREYEV Roman KAZ AST 3:13:47
88 HENDERSON Gregory NZL SKY 3:16:25
89 MONIER Damien FRA COF 3:17:13
90 BRANDLE Matthias AUT FOT 3:18:09
91 DALL'ANTONIA Tiziano ITA LIQ 3:20:36
92 STANGELJ Gorazd SLO AST 3:20:57
93 ARASHIRO Yukiya JPN BTL 3:22:21
94 KLIMOV Serguei RUS KAT 3:24:12
95 BOOKWALTER Brent USA BMC 3:27:09
96 FORSTER Robert GER MRM 3:29:44
97 WYSS Danilo SUI BMC 3:32:33
98 KRIIT Kalle EST COF 3:34:05
99 SCHÄR Michael SUI BMC 3:34:30
100 HINAULT Sebastien FRA ALM 3:34:35
101 SABATINI Fabio ITA LIQ 3:34:42
102 FOTHEN Markus GER MRM 3:34:50
103 LLOYD Daniel GBR CTT 3:35:19
104 SIJMENS Nico BEL COF 3:39:35
105 HAYMAN Mathew AUS SKY 3:40:04
106 KONOVALOVAS Ignatas LTU CTT 3:40:16
107 MARANGONI Alan ITA COG 3:41:13
108 VELO Marco ITA QST 3:41:32
109 STAMSNIJDER Tom NED RAB 3:41:45
110 LE FLOCH Guillaume FRA BTL 3:44:23
111 ELIJZEN Michiel NED OLO 3:45:11
112 FISCHER Murilo Antonio BRA GRM 3:48:11
113 LASTRAS GARCIA Pablo ESP GCE 3:48:23
114 KING Edward USA CTT 3:50:57
115 BERTOLINI Alessandro ITA AND 3:51:50
116 VAN EMDEN Jos NED RAB 3:53:24
117 REYNES MIMO Vicente ESP THR 3:54:35
118 SPEZIALETTI Alessandro ITA LAM 3:54:57
119 FOUCHARD Julien FRA COF 3:57:49
120 PIRAZZI Stefano ITA COG 3:58:45
121 FACCI Mauro ITA QST 3:59:42
122 KAISEN Olivier BEL OLO 3:59:49
123 ALBASINI Michael SUI THR 4:01:06
124 ROBERTS Luke AUS MRM 4:03:02
125 TUFT Svein CAN GRM 4:03:06
126 ENGELS Addy NED QST 4:04:57
127 BODNAR Maciej POL LIQ 4:05:53
128 HAEDO Lucas Sebastian ARG SAX 4:07:41
129 MORKOV Michael DEN SAX 4:11:06
130 BROWN Graeme AUS RAB 4:13:27
131 IGNATIEV Mikhail RUS KAT 4:13:51
132 ANDRIOTTO Dario ITA ASA 4:15:17
133 SUTTON Christopher AUS SKY 4:15:24
134 RABON Frantisek CZE THR 4:19:17
135 FLENS Rick NED RAB 4:21:47
136 GAUDIN Damien FRA BTL 4:25:58
137 MEYER Cameron AUS GRM 4:26:16
138 FRAPPORTI Marco ITA COG 4:42:07
139 CORTI Marco ITA FOT 4:48:55

ALBO D'ORO
2010 BASSO Ivan
2009 MENCHOV Denis
2008 CONTADOR Alberto
2007 DI LUCA Danilo
2006 BASSO Ivan
2005 SAVOLDELLI Paolo
2004 CUNEGO Damiano
2003 SIMONI Gilberto
2002 SAVOLDELLI Paolo
2001 SIMONI Gilberto
2000 GARZELLI Stefano
1999 GOTTI Ivan
1998 PANTANI Marco
1997 GOTTI Ivan
1996 TONKOV Pavel (Russia)
1995 ROMINGER Tony (Svizzera)
1994 BERZIN Eugeni (Russia)
1993 INDURAIN Miguel (Spagna)
1992 INDURAIN Miguel (Spagna)
1991 CHIOCCIOLI Franco
1990 BUGNO Gianni
1989 FIGNON Laurent (Francia)
1988 HAMPSTEN Andrew (U.S.A.)
1987 ROCHE Stephen (Irlanda)
1986 VISENTINI Roberto
1985 HINAULT Bernard (Francia)
1984 MOSER Francesco
1983 SARONNI Giuseppe
1982 HINAULT Bernard (Francia)
1981 BATTAGLIN Giovanni
1980 HINAULT Bernard (Francia)
1979 SARONNI Giuseppe
1978 DE MUYNCK Johan (Belgio)
1977 POLLENTIER Michel (Belgio)
1976 GIMONDI Felice
1975 BERTOGLIO Fausto
1974 MERCKX Eddy (Belgio)
1973 MERCKX Eddy (Belgio)
1972 MERCKX Eddy (Belgio)
1971 PETTERSON Gösta (Svezia)
1970 MERCKX Eddy (Belgio)
1969 GIMONDI Felice
1968 MERCKX Eddy (Belgio)
1967 GIMONDI Felice
1966 MOTTA Gianni
1965 ADORNI Vittorio
1964 ANQUETIL Jacques (Francia)
1963 BALMAMION Franco
1962 BALMAMION Franco
1961 PAMBIANCO Arnaldo
1960 ANQUETIL Jacques (Francia)
1959 GAUL Charly (Lussemburgo)
1958 BALDINI Ercole
1957 NENCINI Gastone
1956 GAUL Charly (Lussemburgo)
1955 MAGNI Fiorenzo
1954 CLERICI Carlo (Svizzera)
1953 COPPI Fausto
1952 COPPI Fausto
1951 MAGNI Fiorenzo
1950 KOBLET Hugo (Svizzera)
1949 COPPI Fausto
1948 MAGNI Fiorenzo
1947 COPPI Fausto
1946 BARTALI Gino
1940 COPPI Fausto
1939 VALETTI Giovanni
1938 VALETTI Giovanni
1937 BARTALI Gino
1936 BARTALI Gino
1935 BERGAMASCHI Vasco
1934 GUERRA Learco
1933 BINDA Alfredo
1932 PESENTI Antonio
1931 CAMUSSO Francesco
1930 MARCHISIO Luigi
1929 BINDA Alfredo
1928 BINDA Alfredo
1927 BINDA Alfredo
1926 BRUNERO Giovanni
1925 BINDA Alfredo
1924 ENRICI Giuseppe
1923 GIRARDENGO Costante
1922 BRUNERO Giovanni
1921 BRUNERO Giovanni
1920 BELLONI Gaetano
1919 GIRARDENGO Costante
1914 CALZOLARI Alfonso
1913 ORIANI Carlo
1912 a squadre: ATALA
1911 GALETTI Carlo
1910 GALETTI Carlo
1909 GANNA Luigi

La settimana calcistica - 30 Maggio 2010

*************************
CLASSIFICA SERIE A
Inter 82 - Campione d’Italia n. 18 - Coppa Italia - Champions
Roma 80 - Partecipazione Champions League
Milan 70 - Partecipazione Champions League
Sampdoria 67 - Preliminari Champions League
Palermo 65 - Partecipazione alla Europa League
Napoli 59 - Partecipazione Europa League
Juventus 55 - Preliminari Europa League
Parma 52
Genoa 51
Bari 50
Fiorentina 47
Lazio 46
Catania 45
Cagliari 44
Chievo 44
Udinese 44
Bologna 42
Atalanta 35 - Retrocessa in Serie B
Siena 31 - Retrocessa in Serie B
Livorno 29 - Retrocessa in Serie B

SERIE B RISULTATI 42ª GIORNATA
Ancona - Mantova 2-2
Crotone - Ascoli 1-2
Empoli - Grosseto 2-2
Frosinone - Triestina 2-2
Lecce - Sassuolo 0-0
Modena - Gallipoli 3-2
Padova - Brescia 2-1
Piacenza - Cesena 0-1
Reggina - Albinoleffe 3-1
Salernitana - Vicenza 0-1
Torino - Cittadella 1-0

CLASSIFICA SERIE B
Lecce 75 - Promossa in Serie A
Cesena 74 - Promossa in Serie A
Brescia 72 - Playoff
Sassuolo 69 - Playoff
Torino 68 - Playoff
Cittadella 66 - Playoff
Grosseto 61
Crotone 60
Ascoli 57
Empoli 56
Albinoleffe 55
Modena 54
Reggina 54
Frosinone 53
Piacenza 53
Vicenza 53
Ancona 52
Padova 51 - Playout
Triestina 51 - Playout
Mantova 48 - Retrocessa
Gallipoli 40 - Retrocessa
Salernitana 17 - Retrocessa

Formula Uno 2010 - Gran Premio di Turchia

Ferrari, gara di sofferenza. Domenicali: "GP da dimenticare". Alonso: "Però siamo lì". Delusione al box del Cavallino anche se lo spagnolo cerca di vedere positivo: "Adesso siamo al livello della Renault, si deve lavorare sodo sulle novità. Ma in fondo ho un punto più di Vettel". Massa: "La ricetta? Solo lavoro".
*************************
Poteva diventare la gara della svolta in positivo, si è rivelata un mezzo disastro. La Ferrari archivia il GP n. 800 della sua storia con un settimo e un ottavo posto che fanno male al morale. Parzialissima consolazione è che i due della Red Bull si sono praticamente autoeliminati e la classifica piange meno di quanto sarebbe potuto accadere. Ma il quadro tecnico è quello che preoccupa di più. A inizio gara si è visto un Kobayashi tenere dietro Fernando Alonso, poi è toccato alle Renault. Per non dire delle Mercedes che sono state costantemente davanti. McLaren e Red Bull, poi, di un altro pianeta.
"Red Bull e McLaren sono molto lontane, noi siamo al livello della Renault. E non è abbastanza". Alonso è abbastanza chiaro nello spiegare la situazione. "Avremo miglioramenti per il Canada e poi per Valencia avremo a disposizione un pacchetto più ricco. Sappiamo che McLaren e Red Bull sono molto lontane, dobbiamo lavorare sodo perché non sappiamo se le novità saranno sufficienti". Almeno anche oggi sono arrivati dei punticini che potrebbero essere utili più avanti. Ma è lo sviluppo a essere necessario come ossigeno. "I punti di oggi sono utili - dice Alonso - ne avremmo voluti ottenere di più, è ovvio. Ero terzo in classifica, ora sono quarto: in fondo, siamo sempre lì. Non abbiamo la monoposto più veloce, eppure sono davanti a Vettel di un punto. Non stiamo andando così male".
Anche il responsabile Stefano Domenicali è deluso: "È una gara da dimenticare sotto il profilo della prestazione e non è positiva per quanto riguarda i punti - ha detto - abbiamo visto due squadre superiori alle altre, ma hanno avuto probemi tra di loro". Felipe Massa, settimo, ha parlato di "gara durissima e molto noiosa. Ero in un gruppo di piloti con lo stesso passo ma non c'erano le condizioni per superare, era praticamente impossibile. Partendo ottavo sapevo che sarebbe stata una gara non facile e poi è quello che è successo. La pioggia poteva essere una svolta, ma erano poche gocce e il ritmo è rimasto sempre quello, niente è cambiato". Pure Felipe dice che bisogna cambiare passo al più presto: "Sicuramente la McLaren ha fatto un grandissimo lavoro qui, la loro macchina era molto veloce e hanno anche avuto un po' di fortuna con l'incidente delle due Red Bull. Noi dobbiamo lavorare per essere al loro fianco e lottare per le vittorie. È quello che vogliamo".
L'argomento del giorno è comunque l'incidente tra Vettel e Webber. I due ferraristi hanno sottolineato come in Ferrari queste cose difficilmente potrebbero accadere. "Lo scontro? Non l'ho visto - ha detto Alonso - ma questo dimostra una volta ancora che nel paddock non c'è un team unito come la Ferrari". Dello stesso parere Massa: "La lotta fa parte della gara - è il suo commento - l'importante è avere rispetto. Penso che non si siano capiti - sostiene - e sono cose che possono succedere. Non è bello, ma capita".

ORDINE DI ARRIVO
01 Lewis Hamilton GB McLaren 1:28:47.620
02 Jenson Button GB McLaren 0:02.645
03 Mark Webber AUS Red Bull Racing 0:24.285
04 Michael Schumacher GER Mercedes 0:31.110
05 Nico Rosberg GER Mercedes 0:32.266
06 Robert Kubica POL Renault 0:32.824
07 Felipe Massa BRA Ferrari 0:36.635
08 Fernando Alonso SPA Ferrari 0:46.544
09 Adrian Sutil GER Force India F1 0:49.029
10 Kamui Kobayashi GIA BMW Sauber 1:05.650
11 Pedro De La Rosa SPA BMW Sauber 1:05.944
12 Jaime Alguersuari SPA Toro Rosso 1:07.800
13 Vitantonio Liuzzi ITA Force India F1 1 giro(i)
14 Rubens Barrichello BRA Williams 1 giro(i)
15 Vitaly Petrov RUS Renault 1 giro(i)
16 Sebastien Buemi SVI Toro Rosso 1 giro(i)
17 Nico Hulkenberg GER Williams 1 giro(i)
18 Timo Glock GER Virgin Racing 3 giro(i)
19 Lucas Di Grassi BRA Virgin Racing 3 giro(i)
20 Karun Chandhok IND Hispania Racing Ritirato
21 Bruno Senna BRA Hispania Racing Ritirato
22 Sebastian Vettel GER Red Bull Racing Ritirato
23 Heikki Kovalainen FIN Lotus Ritirato
24 Jarno Trulli ITA Lotus Ritirato

CLASSIFICA PILOTI
01 Mark Webber 93
02 Jenson Button 88
03 Lewis Hamilton 84
04 Fernando Alonso 79
05 Sebastian Vettel 78
06 Robert Kubica 67
07 Felipe Massa 67
08 Nico Rosberg 66
09 Michael Schumacher 34
10 Adrian Sutil 22
11 Vitantonio Liuzzi 10
12 Rubens Barrichello 07
13 Vitaly Petrov 06
14 Jaime Alguersuari 03
15 Sebastien Buemi 01
16 Kamui Kobayashi 01
17 Nico Hulkenberg 01
18 Jarno Trulli 00
19 Heikki Kovalainen 00
20 Karun Chandhok 00
21 Bruno Senna 00
22 Pedro De la rosa 00
23 Timo Glock 00
24 Lucas Di grassi 00
25 Paul Di resta 00
26 Fairuz Fauzy 00
27 Christian Klien 00
28 Gary Paffett 00
29 Sakon Yamamoto 00

CLASSIFICA COSTRUTTORI
01 McLaren 172
02 Red Bull Racing 171
03 Ferrari 146
04 Mercedes 100
05 Renault 73
06 Force India F1 32
07 Williams 08
08 Toro Rosso 04
09 BMW Sauber 01
10 Lotus 00
11 Hispania Racing 00
12 Virgin Racing 00

sabato 29 maggio 2010

Il Punto dell'On.le Marco Zacchera del PdL

n. 324 del 29 Maggio 2010
*************************
RISPARMI DOVEROSI
Giustissimi i tagli alla politica, ai partiti, ai parlamentari, ai ministri. Sarà solo un segnale, ma va dato senza incertezze perché è giusto che chi guadagna di più paghi di conseguenza e l’apparato politico costi complessivamente di meno. Per questo quando si vedono poi le parziali retromarce, la paura di qualche collega per qualche “taglio” (doveroso!) c’è il dubbio che molti non vivano la realtà quotidiana degli italiani. Per questo sostengo che sarebbe però utile ed equo anche un leggero aumento delle aliquote IRPEF per tutti i contribuenti al di sopra di una quota di reddito alta ovvero per persone che obbiettivamente potrebbero dare un contributo in più – magari anche solo a titolo temporaneo - a sostenere il paese.
Così come se si taglia – ripeto, secondo me giustamente – l’indennità parlamentare, allora va ritoccata anche per i Magistrati visto che i due stipendi sono equiparati.
Ma è la “macchina” istituzionale a dover essere riformata: ricordiamoci che i deputati (stipendi, rimborsi, pensioni) incidono solo per circa il 14% del bilancio di Montecitorio e il resto se ne va per stipendi dei dirigenti, dipendenti, rimborsi, manutenzioni: anche qui servono tagli, così come alle strutture regionali che in proporzione costano anche di più di quelle centrali. Lo stesso vale per i numeri: se vanno ridotti i parlamentari perché lo stesso non deve valere per i consiglieri regionali visto che molte regioni (non il Piemonte) in questi decenni hanno aumentato il loro numero in maniera consistente?
Quello che temo è che alla fine tutto il discorso si riduca in sostanza all’ennesimo condono edilizio più o meno mascherato ed a un taglio secco ai comuni. Anche qui ci sono tanti sprechi, ma credo che sia sciocco generalizzare per tutti gli 8110 comuni italiani che oltretutto sono gli enti più controllati e direttamente giudicati dai cittadini. Ci sono comuni dove si spreca e in molti altri dove si tira la cinghia, dove l’ICI la pagano quasi tutti ed altri dove l’evasione è ben maggiore: non si può più premiare i secondi con trasferimenti statali che pro-capite sono 3 o 4 volte più forti rispetto a chi cerca di essere efficiente. Come può Tremonti tollerare pubbliche dichiarazioni da cui traspare che mentre in Lombardia i tributi evasi sarebbero il 13% in Calabria raggiungerebbero l’85% ? Forse sono dati non esatti (francamente lo spero) ma allora dei chiarimenti si impongono o è evidente la “giustificazione morale” all’evasione.
Lo stesso annunciare che per salvare i propri conti le amministrazioni locali potranno trattenere una parte “dell’incassato in più” per la lotta all’evasione: ma se si incassa già il dovuto o quasi, dov’è la maggior partecipazione in entrata?
Serve poi comunque una maggiore precisione anche nella diffusione dei dati e i cittadini avrebbero bisogno anche di una informazione più corretta: si sostiene per esempio che in Italia ci sarebbero 650.000 auto blu, contro i 70.000 negli USA. Secondo me sono cifre assurde e della quale non si riesce mai ad avere un riscontro oggettivo. Non vorrei che fossero conteggiate come “auto blu” anche le ambulanze o i mezzi dei vigili del fuoco: perché nessuno – a cominciare dal governo - ne dà un elenco un poco più preciso, anche per difendere la propria credibilità?
Ps: l’altra sera alla Camera c’è stato un incontro serale tra Berlusconi, alcuni ministri ed i parlamentari sulle conseguenze della legge finanziaria. Me ne sono andato verso le 22 e all’uscita di Montecitorio c’era ancora una parata di auto che riempiva metà piazza. Visto che parlavamo di tagli e di sprechi, sottosegretari e ministri - almeno per una sera - non potevano andare a casa in taxi?
COOP E CONAD: NO A ISRAELE
I supermercati della CONAD e della COOP non vogliono più vendere diversi prodotti israeliani – per lo più frutta e verdura – se prodotti dai coloni ebrei nei territori occupati “ Tecnicamente quelle merci non sono israeliane, ma vengono dai territori occupati e quindi manca la tracciabilità sulle etichette, a tutela dei nostri consumatori” Così sostengono i supermercati che hanno accettato le richieste di boicottaggio da parte della Fiom-CGIL, del Forum Palestina, “Un ponte per”, Pax Christi ecc.ecc. e che poi - toccati dalla polemica - hanno riempito, come la COOP, pagine pubblicitarie sui giornali di ipocriti distinguo.
Quanta ipocrisia, appunto: forse che avete mai visto un prodotto cinese in cui, ad esempio, sia indicato che è stato prodotto, realizzato o coltivato in Tibet, territorio militarmente occupato dai cinesi? Oppure che viene dallo Xuinjiang dove vive repressa la maggioranza Jugura? Eppure gli scaffali sono pieni di prodotti “Made in China”, tra l’altro spesso di ben dubbia qualità...
Qualcuno della COOP si era mai posto il problema? Una volta di più, quindi, le discriminazioni sono a senso unico e se giustamente si sono criticate le dittature fasciste e naziste quando al tempo i negozi esponevano scritte vergognose del tipo “Qui si vendono solo prodotti ariani” anche se queste sono oggi situazioni oggettivamente e quantitativamente diverse, non è che si rischia di avviarsi sulla stressa strada? In merito ho presentato una interrogazione al Governo, sottoscrivendo anche un altro documento dell’associazione parlamentare “Amici di Israele”.
SANTORO E LA PRIVACY
Notizia tragica: Santoro resta in RAI? Secondo Michele lo farà, perché “E’ stata violata la riservatezza…trasmissioni del servizio pubblico mi hanno denigrato entrando nel merito della trattativa”. (ovvero pubblicizzando i 10 milioncini di euro che si sarebbe portato a casa tra liquidazione e nuovo contratto). E’ incredibile che ad invocare la riservatezza sia proprio l’anchormen che in questi anni ha più di tutti contribuito ad una deriva mediatica che della privacy altrui ha fatto strame: processi in diretta, cartacce e intercettazioni usate come armi improprie, avvisi di garanzia ribattezzati nei fatti “avvisi di reato”, fatti privati trascinati sul video, l’orizzonte del buco della serratura offerto a milioni di telespettatori. Povero Michelino: si è sentito denigrato per una trasmissione in cui si è parlato della sua buonuscita? Ma quante volte la denigrazione nei confronti di altri dipendenti del servizio pubblico (Vespa, Minzolini) ha fatto capolino nel suo Annozero, lautamente retribuito da quello stesso servizio pubblico? Ci ha spiegato tante volte che, quando coinvolgono persone pubbliche, i fatti privati non sono più tali. Se ne faccia una ragione, allora: anche lui è una “persona pubblica”, che lo voglia o no, e chi paga il canone ha diritto di sapere quanti di quei soldi gli finiranno in tasca, non discutiamo neppure se meritati o meno. Né Santoro ha diritto a protestare dopo avere occupato solo la scorsa settimana per venti minuti il servizio pubblico per raccontare i fatti suoi a milioni di silenziosi telespettatori, ovviamente senza contraddittorio.
VERBANIA: 5 TONNELLATE DI SOLIDARIETA’
Quasi 500 scatoloni e oltre 5 tonnellate di generosità. È questo il bilancio della seconda edizione delle “Giornate della solidarietà” che nel fine settimana tra il 14 e il 16 maggio ha visto la città mobilitarsi per la raccolta di generi alimentari non deperibili e materiale didattico a favore delle associazioni di volontariato. Nei supermercati, nelle parrocchie e nelle scuole elementari e medie la tre-giorni di raccolta ha prodotto risultati soddisfacenti, in linea con quanto era accaduto tra il 3 e il 5 ottobre. Doveroso sottolineare l’impegno delle associazioni, dei volontari, dell’ assessorato ai servizi sociali guidato da Roberta Mantovani. Per la precisione sono stati raccolti 5.312 kg di aiuti alimentari che per la metà sono rappresentate da legumi in scatola e da pasta. Ma sono rilevanti anche le quantità di pelati (890, 4 kg), di biscotti (37,2 kg), di pesce in scatola (300,2 kg), di latte (247,4 kg), di riso (246,6 kg). Il numero di colli raccolti e già distribuiti alle associazioni è di 494.
A questo conto devono essere aggiunti i quaderni, le penne e i colori raccolti nelle scuole, che corrispondono a numerosi scatoloni. Per tutti l’appuntamento con le “Giornate della solidarietà” è per il l 2011.
IL VALORE DEL DETTAGLIO
Domenica scorsa, in occasione dell’avvio di “Teatrocultura” a Verbania (ottimo il successo della puntata sul jazz) ho accompagnato Walter Veltroni ed altri ospiti sul lago facendo fare loro un giro in battello e quindi vedere con i loro occhi l’immagine della nostra zona da una angolatura diversa dal consueto.
Chi è abituato a vedere gli stessi scenari da una vita, non nota spesso quello che salta all’occhio all’ospite ed è utile ascoltarne i commenti.
Per esempio, mentre giustamente ci si preoccupa di tutelare questa o quell’area (un esempio è dato dal possibile intervento su Villa Poss, tra Intra e Griffa) quasi nessuno ha notato che recentemente la caserma dei Carabinieri del comando provinciale di Verbania ( la caserma più orrenda costruita nel posto più bello) è stata recentemente tinteggiata di un giallo-risotto che perfino abbaglia il navigante di passaggio. Giusta la necessità di un rifacimento esterno dell’immobile, ma non si poteva pensare ad una tinta più tenue?
Lo stesso vale per complessi immobiliari di antica e recente realizzazione: il grappolo di ville appena sopra Fondotoce (che sono però in comune di San Bernardino Verbano), il nuovo complesso delle ex collegio delle Suore Preziosine sulla Castagnola a Pallanza, il progressivo degrado della punta dell’Eden dove il vecchio albergo crolla un pezzo alla volta... Anche il cemento della benedetta A26 tra Baveno e Stresa - dopo ormai 15 anni di attività - non è stato minimamente coperto dalla vegetazione o anche solo da dei rampicanti e resta la sciabolata a mezza costa, mentre chi ha occasione di passare per Lucerna, sul lago dei Quattro Cantoni, può verificare un esempio di come un’autostrada possa letteralmente” sparire”, sommersa nel verde.
Lo stesso può dirsi - sia sulla sponda verbanese che lombarda - dei sostegni e pilastri a lago delle strade costiere che non possono essere notate chi le traffica in auto, ma dal lago sono autentiche brutture che condizionano la linea della costa.
Morale: l’ambiente ed il territorio vanno gestiti con intelligenza ma anche con lungimiranza, soprattutto per non copiare gli errori che - per esempio - sono stati compiuti, dal punto di vista costruttivo, negli indimenticabili quanto famigerati anni sessanta.
UN SALUTO E BUONA SETTIMANA A TUTTI ! MARCO ZACCHERA

venerdì 28 maggio 2010

Il Cav. cita il Duce: "Solo i gerarchi hanno potere"

Berlusconi al vertice Ocse di Parigi: "Come Mussolini, posso solo ordinare al mio cavallo di andare a destra o a sinistra". E sulla situazione interna: "Nonostante la manovra di sacrifici, ho più del 60% di consensi". L’opposizione: vergognoso!
*************************
Cita il Duce, Berlusconi, per far capire a un cronista che lo stuzzica sulla possibile erosione del consenso in periodi di crisi che lui, di potere, non ne ha. «Oso citare una frase di colui che era ritenuto un grande e potente dittatore, Benito Mussolini. Nei suoi diari - dice il premier - ho letto di recente questa frase: dicono che ho potere ma non è vero. Forse ce l’hanno i miei gerarchi ma non lo so. Io posso soltanto ordinare al mio cavallo di andare a destra o a sinistra. E di questo sono contento». Chi sono i gerarchi? Di certo la mente corre al potente ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. In conferenza stampa a Parigi, nell’ambito di un vertice Ocse con il quale si sono aperte le porte dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico a Israele, Estonia e Slovenia, Berlusconi parla di nuove regole per il mercato mondiale con la testa rivolta anche alle questioni di casa.
«Come vi sentite, voi potenti nella stanza dei bottoni, di fronte a delle crisi che rischiano di demolire il vostro consenso?», chiede un giornalista. Il premier estone risponde per primo dicendo che «i cittadini possono capire i sacrifici, i tagli necessari per tenere i conti a posto». E Berlusconi sorride e scuote la testa forse pensando alla manovra da 24,9 miliardi che ha già provocato la dichiarazione di guerra della Cgil e i mugugni dell’opposizione. Ma poi tocca a lui rispondere e riconoscere che: «io sono in una posizione fortunata perché gli ultimi sondaggi confermano che resto sopra il 60 per cento di apprezzamento nonostante la manovra. Una manovra di sacrifici». Poi continua: «Se sono al potere? Come primo ministro non ne ho mai avuto la sensazione. Quando ero un imprenditore e avevo 56mila collaboratori sì, ma ora mi considero al servizio della democrazia e dei cittadini, non al potere: mi possono criticare e insultare». Poi cita Mussolini. E critiche e insulti piovono immediati.
L’Italia dei valori tramite Leoluca Orlando consiglia al premier «un periodo di riposo per il bene del Paese. Limiti i danni che sta facendo alla nostra credibilità e ci risparmi almeno il saluto romano e la camicia nera». Mentre Angelo Bonelli dei Verdi arriva a parlare di «un’umiliazione della democrazia e della Costituzione su cui il presidente ha giurato e che nasce proprio dalla vittoria sul fascismo». Il riferimento al Duce, che tanto irrita l’opposizione, non pare disturbare più di tanto il capo del governo israeliano, Benjamin Netanyahu, seduto alla destra del Cavaliere. Anzi, il premier israeliano concorda con Berlusconi quando riconosce che «i governi possono fare ben poco di fronte alla forza dei mercati finanziari». Tuttavia il presidente del Consiglio si sente più forte degli altri grandi perché, quando Netanyahu spiega che in periodi di crisi si può dar vita a governi di coalizione e indica due suoi ministri seduti in sala, uno socialista e l’altro del Likud, il Cavaliere annuisce ma sorride. Presumibilmente pensando a Casini, Fini e a tutte le altre ipotesi circolate nelle scorse settimane.
Poco dopo, infatti, riconosce: «Non abbiamo bisogno di governi di coalizione. Abbiamo una larga maggioranza». Una maggioranza che ha partorito una manovra all’insegna della cura dimagrante in termini di spesa pubblica a causa di «una crisi dalla quale, tuttavia, stiamo uscendo», assicura Berlusconi. La carta vincente, che piace molto all’estero, è la manovra targata Tremonti con il quale, si dice, il premier abbia avuto non poche frizioni. Vero o falso? Forse soltanto un gioco delle parti: Tremonti nel ruolo del «cattivo» a dir di no alle pretese di tutti gli altri ministri, Berlusconi in quello di «buono» a subire decisioni impopolari.
Fonti della maggioranza assicurano inoltre che il premier non sia per nulla preoccupato della crescita di popolarità e dei corteggiamenti al suo ministro perché, dicono, di lui pensa che «è un tecnico geniale, con competenze indiscutibili; ma io ho voti, consenso e leadership necessari per tenere unita la maggioranza e realizzare il programma di governo». Ma la lettura di un finiano è differente: «Berlusconi ha capito che rischia di essere divorato da Tremonti e dalla Lega e ora cerca aiuto in Fini». (Francesco Cramer - ilGiornale.it)

domenica 23 maggio 2010

Inter-Leggenda. Missione compiuta dopo 45 anni

Inter nella storia! La Champions League è nerazzurra
La doppietta di un grande Milito trascina i nerazzurri alla vittoria della coppa più ambita dopo 45 anni di astinenza. La squadra di Mourinho conquista così campionato, coppa nazionale e Champions: un'impresa mai riuscita ad un'italiana. In nottata la squadra è rien-trata a Milano portando in trionfo la Coppa: dalla Malpensa a San Siro
*************************
Campioni d’Europa. Campioni d’Europa. Campioni d’Europa. Il cielo è nerazzurro sopra Madrid. Interisti, abbracciatevi forte e voletevi tanto bene. Il sogno è diventato realtà, l’attesa durata 45 anni è finita. Il capitano Zanetti, dopo 15 anni, tante sofferenze, 700 partite, può alzare in alto la coppa. La foto di Massimo Moratti con la Champions si affiancherà a quella del padre Angelo. Il 5 maggio non esiste più. Da oggi esiste solo il 22. Maggio 2010, l’Inter torna sul tetto d’Europa, e con lei l’Italia, tre anni dopo la vittoria del Milan nel 2007. Salvo anche il ranking Uefa, ma chissenefrega del ranking Uefa, in sere così.
LA SERA DELL’INTER E DI MOU - E’ la sera dell’Inter che completa una storica tripletta e dei suoi tifosi, che fanno tremare la curva Nord al fischio finale. E’ la sera del Principe Milito, che decide con una doppietta da Fenomeno. A 30 anni la prima grande squadra e la prima finale: se questo è un debutto... E la sera di José Mourinho che festeggia piangendo la sua seconda Champions con due squadre diverse. Adesso può anche andarsene. Sarà arrogante, penserà solo ai risultati, ma ha fatto più lui in due anni per l’Inter che tutti i suoi predecessori in 44. Se c’è un allenatore galactico, nel calcio, è lui.
PARTENZA TESA - Partita iniziata su ritmi bassi, come spesso in finale. Le finali aperte? Solo per squadre incoscienti. Bayern e Inter, invece, sono coscienziosissime, e inizialmente parecchio coperte. I tedeschi addormentano il gioco con passaggi fra i quattro dietro, quando arrivano dall’altra parte si trovano di fronte un muro. Ne vengono fuori una serie di tiri da fuori sballati, qualche protesta per un possibile tocco di mano in area di Maicon (16’), e poco più. Dall’altra parte, ci prova Sneijder su punizione. Poi il gol, e tutto cambia.
LA TECNICA DEL RINVIO - Per tutto il primo tempo è Julio Cesar a impostare la manovra: rinvii lunghi a cercare le punte. Sembra una scelta autolesionistica, visto che non la prendono mai. Ma non lo è. Al 35’ il suo sinistro lungo finisce dritto sulla testa di Milito: la sponda di testa è perfetta per Sneijder, così come il filtrante di ritorno. Demichelis vede solo la targa del Principe, che aspetta l’uscita di Butt e la piazza, per il 29° gol stagionale.
LA TECNICA DEL PRINCIPE - Fatto 29, si può fare anche 30. Minuto 25 del secondo tempo, va in scena una lezione di tecnica e controllo in corsa di Milito: lanciato in contropiede, punta Van Buyten, con una finta lo manda praticamente gambe all’aria, ritagliandosi uno spazio per l’ennesimo tiro perfetto: 2-0 e tanti saluti. L’Europa in crisi economica sarà meno unita che mai, ma c’è un Principe che regna incontrastato sul continente.
DIFESA COMPATTA - Ma l’Inter non è solo Diego. L’Inter difensivamente è quasi perfetta. Passata in vantaggio ha la sicurezza di chi sa come non prendere gol. Oddio, in realtà un baco nel sistema ci sarebbe, ed è Chivu, in perenne difficoltà con Robben, fino alla sostituzione. Ma quando l’hacker olandese prova a penetrare si trova di fronte i tre antivirus più efficienti in circolazione: Cambiasso, Lucio e Samuel. Respinto. E poi c’è sempre l’ultima risorsa, Julio Cesar: chiude alla grande a inizio ripresa sul tiro di Mueller, poi al 20’ sul tiro a giro di Robben.
OFFESA EFFICACE - Ma l’Inter non è solo difesa, alla faccia di Van Gaal. Sa offendere, riparte con scatti brucianti, controlla palloni difficili con la classe di Sneijder, non ha il solo straripante Maicon ma gli bastano i suoi attaccanti, anche se Eto’o è spesso sulla linea di Maicon (l’anno prossimo lo fa Cristiano Ronaldo, quel ruolo? Mourinho, ripensaci...). E poi la squadra è una "summa" di precisione tattica, con uomini costantemente alla distanza giusta l’uno dall’altro e sempre pronti ad aiutarsi. La forza del gruppo, quello che serve per coronare i sogni. Il calcio è uno sport di squadra. E oggi l’Inter è la miglior squadra d’Europa. (Valerio Clari - gazzetta.it)
*************************
*************************
Tutti in piedi, passa l’Inter. Triplete, tre tituli, un solo Milito. Meraviglioso principe di questo sogno interista: ci voleva uno stadio Real per incastonare l’incanto di un popolo e l’incantesimo di uno straordinario goleador che ha inondato delle sue meraviglie la notte di Madrid. Milito eppoi l’Inter. Mourinho avrà fatto il suo, d’accordo, ma andatelo a spiegare come si fa a vincere senza un centravanti così. L’Inter ha coronato il sogno, l’avevano chiesto i tifosi: accontentati! Veder le tribune del Bernabeu era una stretta al cuore per qualunque amante dello sport. Non parliamo di tifo pro o contro, parliamo della bellezza di una storia. E l’Inter l’ha onorata. Squadra che ormai conosce perfettamente il suo cuore e il suo motore. Il Bayern è stato quel che sapeva essere: squadra monocorde, provvista di qualche guizzo e tanta forza fisica. L’Inter era sulla carta, e lo è stata sul campo di più, molto di più. Forse salvata dall’arbitro che, dopo 16 minuti, ha chiuso gli occhi su una smanacciata di Maicon. Poteva essere determinante, ma quest’anno va così. Va l’Inter e soprattutto vanno i suoi solisti-coristi. Sneijder e Milito si sono fatti compagnia, là davanti, e dopo qualche assaggio hanno capito che la carne dei centrali tedeschi era tenera, tenera, ed hanno acchiappato l’attimo fuggente. Uno spettacolare contropiede lanciato da Julio Cesar, proseguito da Milito, e rifinito da Sneijder per l’italo-argentino, è stato il capolavoro della partita. Il doppio dribbling del principe, pescato da Eto’o, con marchio doc sulla conclusione, è stato l’acuto d’autore. Poi ci sono state le parate rassicuranti di Julio Cesar, l’incessante giocare di Cambiasso e Zanetti, anche qualche gol sbagliato. Partita bella nei particolari, nelle giocate da campioni, un po’ monotona nelle strategie, quasi mai imprevedibile. Un po’ crudele quando Mou ha preferito omaggiare della presenza Muntari e Materazzi e non Balotelli che, al posto di Pandev, sarebbe stato ben altra cosa. Partita da metter in cornice per la storia dell’Inter, finalmente un Moratti è tornato con la coppa fra le mani. Mourinho ha compiuto il suo cammino e chiuso la storia, potendo dire: missione compiuta. Dopo 45 anni la coppa è dell’Inter, il resto sono statistiche. E tutti quelli che ieri erano sulle tribune un giorno potranno dire: c’ero anch’io. Lasciamoli godere. Lo sport è questo, non solo veleno. (Tratto da: ilgiornale.it)
*************************
*************************
Alba a San Siro per i tifosi interisti
La lunga notte dei festeggiamenti nerazzurri. E alle 6 di mattina l'arrivo dei campioni
MILANO – Non contenti di avere stabilito un record unico del calcio italiano (tre titoli vinti in una sola stagione), gli interisti si sono voluti regalare quello che probabilmente è un primato mondiale: vedere arrivare l’alba dentro un stadio. A Milano, la notte della Champions League riconquistata a Madrid dall’Inter dopo 45 anni, per 50 mila persone è passata aspettando che i neocampioni d’Europa tornassero dalla Spagna, salissero sul pullman e da Malpensa si presentassero direttamente a San Siro.
L'ARRIVO ALLE SEI - Cancelli aperti alle 2.30, giocatori dati in arrivo per le 4.30, poi per le 5, poi per le 5.30. Infine l’arrivo alle 6, mentre sullo stadio si cominciava a intravedere il sole. A quel punto i primi due anelli di San Siro, quasi pieni, sono esplosi come se la gente fosse appena arrivata e dopo una notte di sonno sereno. Sono partiti fumogeni e fuochi d’artificio, mentre i calciatori (tranne assenti illustri come Eto’o e Sneijder, già in viaggio verso le rispettive nazionali) si concedevano un doppio giro del campo passandosi la coppa. Stankovic fingeva di lanciarla verso il pubblico, il capitano Javier Zanetti veniva portato in trionfo dai compagni, Thiago Motta saltava come un matto, Lucio roteava la maglia, mentre Samuel passeggiava per il cerchio di centrocampo tenendo per mano le figlie. Da segnalare un Arnautovic magistrale nel dirigere coreografie e cori del pubblico. Tutto sommato, una scena piuttosto surreale. Ma niente rispetto alle 3 ore e mezza d’attesa, con volonterosi speaker che tenevano tonici i 50 mila di San Siro facendo provare i cori per i giocatori e cantare a ripetizione i due inni nerazzurri (“C’è solo l’Inter” e “Pazza Inter”) mentre il megaschermo trasmetteva spezzoni della finale e il riassunto della strepitosa stagione europea dell’Inter. Poi tutti a casa, trovando anche il tempo (e la forza) di assediare giocatori e dirigenti in uscita dal parcheggio e diretti verso vacanze piuttosto meritate. La festa era finita. O forse era appena cominciata. Almeno per tutti gli abitanti della zona San Siro, che hanno ritrovato il silenzio. (Tommaso Pellizzari - corriere.it)

Il Punto dell'On.le Marco Zacchera del PdL

n. 323 del 23 Maggio 2010
*************************
INTERCETTAZIONI, PRIVACY E LIBERTA’
Una legge che mi è sempre sembrata molto ipocrita è quella sulla “privacy” visto che mentre ogni giorno si rompono mille volte le scatole ai cittadini per le sciocchezze più strane (quante volte avete firmato in bianco moduli su moduli - dove è scritto chissà cosa - solo perché altri potessero usare i vostri dati anagrafici?) riempiendo migliaia di inutili formulari, ecco che improvvisamente la “privacy” scompare quando giornali e TV possono impunemente dire, stampare, riprodurre su di voi tutto quello che vogliono: telefonate, atti, documenti, magari anche per questioni di cui neppure siete a conoscenza e che non c’entrano nulla con i casi oggetto di indagine. Così rischiate di finire nel tritacarne mediatico anche se voi siete solo un terzo assolutamente estraneo rispetto a situazioni con cui non avete nessun rapporto, ma senza saperlo avete contatto qualcuno che a sua volta – e voi lo ignoravate – per qualche motivo ha parlato con un intercettato. Centinaia di migliaia di intercettazioni (spesso di dubbia utilità) che costano ogni anno decine di milioni di euro e maciullano ogni privacy.
In una nazione dove il cicaleggio, il gossip e le chiacchiere da bar o di condominio sono il sale della vita quotidiana e le maldicenze lo sport nazionale è vero che la libertà di stampa deve permettere di far conoscere al pubblico le più grandi nefandezze di ciascuno, soprattutto se persona pubblica, ma nessuno oggi si sogna di verificarne i riscontri prima della pubblicazione e così c’è gente del tutto innocente che dopo aver visto pubblicati nomi, verbali, intercettazioni, colloqui privati di nessun rilievo penale si ritrova messa ingiustamente alla gogna con “processi virtuali”.
Di qui la necessità di una norma che permetta sì le intercettazioni se sono utili ad una indagine giudiziaria, ma solo per un tempo ragionevole e che le consideri secretate almeno finchè un giudice non abbia rinviato a giudizio un imputato avendo effettivamente riscontrato contro di lui elementi di reato.
La nuova legge dalla prossima settimana all’esame del Parlamento – attaccatissima dalla sinistra - vuole insomma mettere un po’ di ordine nel caos di questi anni. Mi auguro che alla fine prevalga un testo che non deve nascondere la verità giudiziaria né tanto meno bloccare il lavoro dei giudici, ma debba imporre un minimo di cautele almeno finchè un imputato non diventi tale e stralciando comunque dalle pubblicazioni tutto ciò che si riferisca a persone che non abbiano diretto rapporto con le indagini.
Un po’ di equilibrio, insomma, per una questione che va affrontata con un po’ di buon senso e – per una volta – di “privacy” vera, dicendo si alla possibilità di indagini serie (e per farlo servono anche le intercettazioni), ma che poi queste restino coperte dal segreto istruttorio e siano distrutte se non servono alla Giustizia. Per ottenere questo purtroppo si deve poter condannare chi fa il furbo nel diffondere notizie riservate, soprattutto se interne agli uffici giudiziari (tra l’altro: è mai possibile che non si trovi mai nessuno responsabile delle “fughe di notizie”?) , così come chi lo fa si deve assumere le proprie responsabilità nel pubblicarle. La libertà di informazione passa anche nella libertà e con il rispetto delle persone..
LA CRISI SECONDO SANTORO
C’è la crisi, gente, ed è quindi giusto per tutti tirare la cinghia: stipendi, pensioni, evasori...ce n’è per tutti tranne che per Michele Santoro, il perseguitato politico italiano n.1, quello che la bieca censura congiunta plutoberlusconianfascista vuole – cattivi! – estromettere da Rai 2.
Vili mascalzoni che lo ridurranno alla mendicità con figli esuli a carico! Inaudito colpire proprio lui, che – protestando - giustamente adesso replica e se la prende con tutti. Ne fanno le spese nei suoi show televisivi (visto che tanto parla sempre solo lui) non solo i predetti berlusconianfascisti, ma anche con i “compagni” della sinistra che – ingrati! - non ne riconoscono le sue doti eccelse di imparzialità, correttezza, alto senso del dovere, dello spirito di sacrificio e sprezzo del pericolo.
Pronto ad abbandonare i compagni di lotta (e di ex governo) per non tradirli durante il prossimo periodo di clandestinità, Michele Santoro ce l’ha con tutti, spara ad alzo zero e giustamente dall’ultimo baluardo libero dell’etere del servizio pubblico (pubblico?!) lancia il suo appello per la difesa della democrazia e della libertà, prima che gli stacchino il microfono e lui non possa lanciare più il suo alto appello democratico, libero, austero.
Bravo, Michele, avanti così: tra compagni non deve esserci il richiamo del vile denaro, ma solo dell’Ideale. “Proletari di tutto il mondo, unitevi!” e tu d'altronde giustamente sostenevi a Samarcanda “ Noi siamo fatti così: facciamo le file, abbiamo macchine sfigate, andiamo a far la spesa ai supermercati, prendiamo la metropolitana.” Bravo Michele: le battaglie si fanno per lotta e per amore, disinteressatamente, non certo per bassi motivi economici.
Apriamo quindi una sottoscrizione per Michele Santoro che verrà cacciato dai cattivoni di Mamma Rai senza un soldo in tasca, come un barbone, prossimamente costretto a chiedere la carità e a cenare alla mensa dei poveri.
Ps: Per la sua buonuscita (la terza!) il buon Santoro riceverà quindi “solo” tra i 2,5 e i 2,7 milioni di euro. Inoltre “La Rai continuerà ad avvalersi di Santoro che in questo modo avrà la possibilità di sperimentare nuovi generi televisivi attraverso un ulteriore sviluppo del proprio percorso professionale, mentre la sua prossima collaborazione con la Rai è valutata in tre anni in altri 7 milioni di euro, in cambio di sette o otto docu-fiction.” (tratto letterale dal Corriere della Sera). Insomma: circa 10 milioni di euro (20 miliardi!!) che Santoro prenderà come buonuscita ed immediato reingresso per poter tornare a rimbambirci con altre puntate dei suoi impareggiabili e soprattutto obbiettivi programmi. Milioni di euro che restano tutti a carico del “servizio pubblico” e quindi degli italiani obbligati a pagare il canone RAI.
W la coerenza, alla faccia della crisi e dei contenimenti di spesa!
CREARE UNA COMUNITA’
Sabato scorso – in occasione della festa patronale di San Vittore – come sindaco della città ho preso la parola al termine della S.Messa concelebrata dai sacerdoti della città. Questo un sunto del mio intervento :
“ E’ uso che in questa cerimonia il sindaco prenda la parola e consegni alla basilica di san Vittore un’offerta a nome della città in segno di ringraziamento per l’attività svolta dalla comunità cristiana.
E’ per me questo un momento significativo ed importante e non vi nascondo l’emozione che sento dentro di me in questo momento perché credo che proprio questa sia l’occasione annuale più importante in cui chi è chiamato dal voto popolare a portare la responsabilità dell’amministrazione cittadina capisca fino in fondo il valore ma anche la delicatezza del proprio ruolo e soprattutto la necessità di saper interpretare TUTTA una comunità cittadina.
Oggi è infatti la festa della nostra comunità, ma per “far festa” bisogna sentirsi uniti, nella consapevolezza di voler crescere insieme ma anche nella responsabilità di assumerci, tutti e ciascuno, il senso di questa nostra, comune appartenenza. Quindi - prima di tutto – far festaè rilanciare un messaggio che corre nel tempo, da centinaia di anni, che attraversa le mura di questa basilica e quelle di tutte le chiese della nostra città che da circa 1700 anni, in questi luoghi, trasmettono una ininterrotta tradizione cristiana. E’ un segno per le nuove generazioni che ci succederanno, è il ricordo di tanti che non ci sono più, di una comunità cristiana fatta di oratori, comunità parrocchiali, gruppi scouts, volontariato, assistenza, accoglienza alle migliaia di persone che a Verbania sono giunti come stranieri e man mano diventano, con senso di responsabilità e tanti sacrifici, nuovi cittadini.
“Senso di appartenenza”, ma per dare senso a questa appartenenza comunitaria credo che questa festa debba allora anche assumere un significato concreto e quindi di anno in anno proporrò in questa occasione degli obbiettivi specifici da verificare nel loro compimento durante la festa dell’anno successivo. Per questo, a nome dei miei collaboratori assessori e consiglieri comunali che ho l’onore di dirigere, propongo alla comunità due obbiettivi concreti per questo anno 2010-2011.
Con la prima vogliamo rendere omaggio a tutti i verbanesi che nel mondo, lontano da Verbania, lavorano o hanno lavorato donando sé stessi al bene comune, ai poveri, alla diffusione della fede cristiana, alla solidarietà.
Molti di voi conoscono Suor Maria Luisa Spitti, missionaria salesiana in Mozambico. Là, sotto la sua responsabilità e con l’aiuto di tutti voi, vogliamo quest’anno costruire come tangibile segno comunitario un ostello per ragazze nei sobborghi della città di NACALA per assisterle quando devono andare a scuola, lontane dai loro villaggi. Questa scelta non è casuale, ma vuole anche adempiere ad un impegno. Molti di voi hanno conosciuto il cav. GIOVANNI BIANCHI, purtroppo mancato alcuni mesi fa. Giovanni Bianchi è stato per molti anni amministratore comunale e presidente del comitato del Gemellaggio e poco prima di morire mi chiese espressamente di realizzare un segno tangibile in suo ricordo in Africa con una iniziativa volta anche a sensibilizzare e curare la gente colpita dall’AIDS. Un’Africa dove suo fratello, padre ANTONIO BIANCHI, verbanese, è missionario in Kenya da oltre 50 anni, missionario della Consolata.
Intitoleremo quindi a ricordo di Giovanni Bianchi questa struttura che realizzeremo insieme anche alla Fondazione Comunitaria del VCO e che prevede un investimento di 62.000 euro: un pensionato, iniziative agricole, un centro sociale e medico in una regione dove purtroppo l’ AIDS è endemico e dove la gente va sensibilizzata ai rischi e a comportamenti responsabili.
La seconda iniziativa è invece una proposta tutta INTERNA alla nostra comunità. L’avevo già accennata in occasione della visita pastorale di mons. Vescovo a Verbania lo scorso 15 febbraio, e approfitto ora anche di questa occasione per fargli a nome di tutti auguri sinceri di pronta guarigione. Vi ricordo che Verbania è una città progressivamente sempre più anziana. Il 67% delle famiglie sono composte al massimo di due persone, il 39% famiglie di persone sole, quasi sempre anziane e per lo più donne rimaste sole. “Adottiamo un anziano” sarà quindi la nostra seconda iniziativa. Adottare significa impegnarsi con continuità a stare vicino ad una persona anziana non necessariamente parente o della propria famiglia. Stare vicino particolarmente ad un’amica, ad una vicino di casa, ad una persona ricoverata in uno dei nostri istituti. Condividere con lei una visita, un invito al ristorante, un po’ di calore umano, di tempo e di amicizia. In modo continuativo, serio, dedicando ciascuno di noi un po’ di sé stesso. Il Comune - siamo già d’accordo come giunta, assessorato all’assistenza, staff degli uffici – è pronto a dare concretamente una mano, a raccogliere segnalazioni, a finanziare micro-progetti specifici, a mettere a disposizione buoni-pasto, taxi a chiamata, assistenza di prossimità. Ma il dono vero di “Adottiamo un anziano” deve essere l’amore che ciascuno può dare specificatamente, individualmente, almeno ad un anziano, soprattutto se solo.
Queste due iniziative potremo portarle avanti durante questo anno e l’anno prossimo - se saremo ancora qui in questa chiesa - renderemo grazie al Signore se saremo stati capaci, tutti insieme, di realizzarle e sceglieremo insieme qualche altro obbiettivo specifico per dare spessore e valore alla nostra festa. Una festa che non sia solo una celebrazione, ma un momento di condivisione, di forte unità ed identità comunitaria, soprattutto di grande e sincera, reciproca amicizia.
UN SALUTO E BUONA SETTIMANA A TUTTI ! MARCO ZACCHERA

Moto GP 2010 - Gran Premio di Francia

*************************
MOTO GP - ORDINE di ARRIVO
01 Jorge Lorenzo - SPA - Fiat Yamaha Team - 44:29.114
02 Valentino Rossi - ITA - Fiat Yamaha Team - 05.672
03 Andrea Dovizioso - ITA - Repsol Honda Team - 07.872
04 Nicky Hayden - USA - Ducati Marlboro Team - 09.346
05 Daniel Pedrosa - SPA - Repsol Honda Team - 12.613
06 Marco Melandri - ITA - San Carlo Honda Gresini - 21.918
07 Randy De Puniet - FRA - Lcr Honda Motogp - 29.288
08 Hector Barbera - SPA - Paginas Amarillas Aspar - 33.128
09 Aleix Espargaro - SPA - Pramac Racing - 33.493
10 Marco Simoncelli - ITA - San Carlo Honda Gresini - 33.805
11 Hiroshi Aoyama - GIA - Yamaha Factory Racing - 34.346
12 Colin Edwards - USA - Monster Yamaha Tech 3 - 37.123
13 Mika Kallio - FIN - Pramac Racing - 55.061
14 Loris Capirossi - ITA - Rizla Suzuki Motogp - 22 giri
15 Ben Spies - USA - Monster Yamaha Tech 3 - 22 giri
16 Casey Stoner - AUS - Ducati Marlboro Team - 26 giri
MOTO GP - CLASSIFICA
01 Jorge Lorenzo 70
02 Valentino Rossi 61
03 Andrea Dovizioso 42
04 Daniel Pedrosa 40
05 Nicky Hayden 39
06 Randy De Puniet 26
07 Marco Melandri 21
08 Colin Edwards 16
09 Marco Simoncelli 16
10 Hector Barbera 15
11 Hiroshi Aoyama 13
12 Ben Spies 12
13 Mika Kallio 12
14 Casey Stoner 11
15 Loris Capirossi 09
16 Aleix Espargaro 09
17 Alvaro Bautista 08
CLASSE 250 - MOTO2 - ORDINE di ARRIVO
01 Toni Elías SPA Gresini Racing Moto2 43:29.277
02 Julian Simon SPA Mapfre Aspar Team 01.336
03 Simone Corsi ITA Jir Moto2 02.831
04 Andrea Iannone ITA Fimmco Speed Up 04.880
05 Gábor Talmácsi HUN Fimmco Speed Up 13.293
06 Sergio Gadea Panisello SPA Pons Racing 13.415
07 Ratthapark Wilairot THA Thai Honda Ptt Sag 14.294
08 Fonsi Nieto SPA G22 Holiday Gym 14.554
09 Stefan Bradl GER Viessmann Kiefer Racing 23.503
10 Roberto Rolfo ITA Italtrans S.t.r. 23.687
11 Scott Redding GB Marc Vds Racing Team 23.959
12 Yonny Hernandez COL Blusens-stx 24.955
13 Lukas Pesek CZE Matteoni Racing 25.068
14 Alex Baldolini ITA Caretta Technology Race Dept 26.023
15 Claudio Corti ITA Forward Racing 28.765
16 Alex Debon SPA Mavin Industries 32.240
17 Niccolo Canepa ITA Scot Racing Team 33.607
18 Arne Tode GER Racing Team Germany 34.789
19 Thomas Luthi SVI Interwetten Moriwaki Moto2 43.180
20 Mike Di Meglio FRA Mapfre Aspar Team 43.522
21 Vladimir Ivanov RUS Gresini Racing Moto2 47.761
22 Valentin Debise FRA Wtr San Marino Team 51.571
23 Robertino Pietri VEN Italtrans S.t.r. 59.692
24 Joan Olive SPA Jack & Jones By A.banderas 59.939
25 Yannick Guerra SPA G22 Holiday Gym 01:07.377
26 Anthony West AUS Mz Racing Team 01:16.171
27 Vladimir Leonov RUS Vector Kiefer Racing 01:16.528
28 Mashel Al Naimi QAT Blusens-stx 01:20.977
29 Bernat Martinez SPA Maquinza-sag Team 01:22.982
30 Dominique Agerter CZE Technomag-cip 2 giro(i)
31 Hector Faubel SPA Marc Vds Racing Team 10 giro(i)
32 Mattia Pasini ITA Jir Moto2 19 giro(i)
33 Shoya Tomizawa GIA Technomag-cip 19 giro(i)
34 Jules Cluzel FRA Forward Racing 20 giro(i)
35 Xavier Simon BEL -- 20 giro(i)
36 Alex De Angelis SMR Scot Racing Team 20 giro(i)
37 Raffaele De Rosa ITA Tech 3 Racing 21 giro(i)
38 Axel Pons SPA Pons Racing 21 giro(i)
39 Kenny Noyes USA Jack & Jones By A.banderas 22 giro(i)
40 Yuki Takahashi GIA Tech 3 Racing 22 giro(i)
41 Karel Abraham CZE Cardion Ab Motoracing 25 giro(i)


CLASSE 250 - MOTO2 - CLASSIFICA
01 Toni Elías 63
02 Shoya Tomizawa 45
03 Simone Corsi 35
04 Julian Simon 28
05 Sergio Gadea Panisello 26
06 Thomas Luthi 25
07 Gábor Talmácsi 25
08 Jules Cluzel 21
09 Roberto Rolfo 21
10 Alex Debon 20
11 Andrea Iannone 13
12 Yuki Takahashi 13
13 Fonsi Nieto 11
14 Mattia Pasini 10
15 Yonny Hernandez 10
16 Kenny Noyes 09
17 Ratthapark Wilairot 09
18 Stefan Bradl 09
19 Dominique Agerter 08
20 Alex Baldolini 06
21 Scott Redding 05
22 Lukas Pesek 04
23 Karel Abraham 02
24 Claudio Corti 01
25 Anthony West 01
26 Joan Olive 00
27 Axel Pons 00
28 Alex De Angelis 00
29 Raffaele De Rosa 00
30 Robertino Pietri 00
31 Valentin Debise 00
33 Vladimir Leonov 00
34 Niccolo Canepa 00
35 Vladimir Ivanov 00
36 Mike Di Meglio 00
37 Yannick Guerra 00
38 Mashel Al Naimi 00
39 Bernat Martinez 00
40 Hector Faubel 00
41 Anthony Delhalle 00
42 Ivan Moreno 00
43 Amadeo Llados 00
44 Xavier Simon 00

CLASSE 125 - ORDINE di ARRIVO
01 Pol Espargaró SPA Derbi Racing Team 41:52.280
02 Nicolas Terol Peidró SPA Bancaja Aspar Team 125cc 00.957
03 Marc Márquez Alenta SPA Red Bull Ktm Moto Sport 04.428
04 Efren Vazquez Rodriguez SPA Derbi Racing Team 04.736
05 Bradley Smith GB Bancaja Aspar Team 125cc 05.143
06 Sandro Cortese GER Ajo Motorsport Jr. 05.847
07 Esteve Rabat Bergada SPA Blusens Bqr 11.047
08 Tomoyoshi Koyama GIA Racing Team Germany 11.165
09 Daniel Webb GB Andalucia Aprilia 37.808
10 Luis Jaime Salom Horrach SPA Rsw Racing 39.585
11 Johann Zarco FRA Wtr San Marino Team 40.519
12 Jasper Iwema NED Cbc Corse 40.817
13 Jonas Folger GER Ongetta Team I.s.p.a. 42.149
14 Randy Krummenacher SVI Gross Racing 44.741
15 Adrián Martín Lucas SPA Mavin Industries 46.320
16 Alexis Masbou FRA Ongetta Team I.s.p.a. 46.503
17 Alberto Moncayo Bernal SPA Andalucia Aprilia 46.979
18 Marcel Schrotter GER Ajo Interwetten 59.626
19 Jakub Kornfeil CZE Racing Team Germany 59.770
20 Sturla Fagerhaug NOR Champions Ride Days 01:04.405
21 Louis Rossi FRA Cbc Corse 01:05.731
22 Michael Van Der Mark NED Sag Castrol 01:28.928
23 Kevin Szalai FRA Hune Racing Team-zrt 01:47.143
24 Gregory Di Carlo FRA Hune Racing Team-zrt 1 giro(i)
25 Muhammad Zulfahmi MAS Champions Ride Days 1 giro(i)
26 Morgan Berchet FRA -- 1 giro(i)
27 Marco Ravaioli ITA Rsw Racing 6 giro(i)
28 Riccardo Moretti ITA Fontana Racing 8 giro(i)
29 Lorenzo Savadori ITA Matteoni Racing 18 giro(i)
CLASSE 125 - CLASSIFICA
01 Nicolas Terol Peidró 65
02 Pol Espargaró 63
03 Esteve Rabat Bergada 34
04 Efren Vazquez Rodriguez 33
05 Marc Márquez Alenta 32
06 Bradley Smith 32
07 Sandro Cortese 26
08 Tomoyoshi Koyama 26
09 Randy Krummenacher 20
10 Johann Zarco 18
11 Alberto Moncayo Bernal 13
12 Alexis Masbou 13
13 Jasper Iwema 12
14 Daniel Webb 12
15 Luis Jaime Salom Horrach 07
16 Marcel Schrotter 04
17 Adrián Martín Lucas 04
18 Jonas Folger 04
19 Jakub Kornfeil 02
20 Muhammad Zulfahmi 00
21 Lorenzo Savadori 00
22 Sturla Fagerhaug 00
23 Louis Rossi 00
24 Marco Ravaioli 00
25 Quentin Jacquet 00
26 Luca Marconi 00
27 Riccardo Moretti 00
28 Isaac Viñales 00
29 Joan Perelló 00
30 Johnny Rosell 00
31 Michael Van Der Mark 00
32 Gregory Di Carlo 00
33 Kevin Szalai 00
34 Morgan Berchet 00